Catia Gianessi
voce, tamburello, duf, tapan, cimbali.

Musicista e artista poliedrica, inizia in giovane età la sua formazione in scuole di canto e danza. Interessata all’aspetto terapeutico delle pratiche musicali e dell’arte in genere, frequenta scuole, corsi e seminari legati all’uso del corpo e della voce: studia canto con Luisa Cottifogli e Barbara Valentino, con cui approfondisce la conoscenza dei risuonatori vocali; pratica tecniche sperimentali vocali con Germana Giannini del “Teatro della Voce” e segue il percorso della musicoterapeuta Pratiba Dè Stoppani. Studia canto medievale con il maestro Ulrich Pfeiffer con il quale collabora nell’ensamble “Ad Organum faciendum”.
Dal ’97 si occupa di musica medievale, etnica e popolare, svolgendo un’intensa attività di spettacoli e concerti in Italia e all’estero con l’ensemble “Musica Officinalis” di cui è co-fondatrice.
Si dedica anche alle percussioni a cornice studiando, con gli insegnanti Alfio Antico e Igor Niego, le tecniche di tamburello delle tradizioni siciliana e salentina e della tammurriata campana.
Nel 1998 frequenta il maestro Tapa Sudana facendo teatro-danza indonesiana e seminari sulle “Sacre danze di Gurdjieff” legate alla tradizione Sufi
Dal 2002 studia canto e teatro-danza indiano (Kathakali e Bharathanatyam), presso la scuola “Satsangam”, centre for arts and culture nel sud dell’ India, diretto da Maryse Noiseaux; nel 2003 approfondisce gli studi sul canto indiano con la Dr. Omanakutty. direttrice del Dipartimento musica dell’Università del Kerala. Sempre in India studia e pratica Kalarippayattu (antica arte marziale indiana) presso la scuola “Maruthi Kalari” centre for arts and culture nel sud dell’India, con il maestro Ajith Kumar.
Dal 2002 tiene incontri e stage sull’uso del corpo e della voce presso la sede dell’Associazione “Musica Officinalis”, di cui è presidente.
Collabora dallo stesso anno con l’ensemble “Joglaresa” di Londra, progetto europeo sulla musica antica, diretto da Belinda Sykes, con cui ha tenuto concerti in tutto il Regno Unito.
Nel 2004 lavora con l’Associazione “Pantakin” di Venezia per le coreografie dello spettacolo teatrale “Lazzaretto lazzaroni” portato in scena nello stesso anno, e con l’Associazione di promozione artistica “Arte ven”, nella realizzazione dello stage per il progetto Regionale “la pista e la scena”, sulla contaminazione teatrale e circense.
•Discografia:
“Aqua Mater”
, Musica Officinalis (2000)
“Siro Yerk – musiche dei Balkani e del vicino oriente”, Musica Officinalis (demo, 2004)
“Amorei – d’amore e di passione”, Musica Officinalis (2004)
"Sedjanki -canti attorno al fuoco", musiche dei Balcani e del vicino Oriente. Musica Officinalis 2006
Raccolte:
Con Musica Officinalis:
“Arcipelaghi sonori”, Comune di San Cesario sul Panaro (2004)

Collaborazioni:
“Risvegli”, colonna sonora del film, Ass. “La Scuola interiore” (2003)